Finanziamenti Veloci

Finanziamenti Veloci
Chiunque di noi, almeno una volta nella vita, si è trovato nelle condizioni di dover affrontare delle spese impreviste ed urgenti. La classica tegola che piove dal cielo, insomma, e con i tempi che corrono sono pochi quelli che hanno ancora un mattone da cui attingere...

A questo fine nascono i finanziamenti veloci, un prodotto finanziario che negli ultimi anni si è diffuso con una rapidità impressionante e che è particolarmente indicato per chi ha un’esigenza di liquidità da colmare in tempi brevi, anzi brevissimi.

Il finanziamento può essere richiesto nella vostra banca di fiducia o presso uno degli innumerevoli istituti finanziari che sicuramente non mancheranno anche sotto casa vostra. La via più rapida, ad ogni modo, come sempre, è internet. Numerose società d’intermediazione creditizia, infatti, operano esclusivamente dal web offrendo prodotti vantaggiosi a tassi d’interesse più che concorrenziali. Prima cosa da fare, dunque, è un giro su internet per avere un’idea del tipo di servizi offerti.

Esistono una serie di siti specializzati che offrono comodi servizi di comparazione. In pratica, compilando un unico modulo di richiesta di preventivo, dopo pochi minuti avrete le offerte dettagliate, classificate in ordine di prezzo, di tutti i prodotti offerti dalle diverse società presenti sul web.

Con le idee più chiare, potrete decidere se continuare al pratica di finanziamento sul web, se telefonare al servizio clienti, nel caso la società ne avesse uno, o se recarvi direttamente presso uno sportello di filiale, se preferite un contatto diretto con un operatore.

In quest’ultimo caso vi sarà richiesto di compilare nuovamente il modulo con i vostri dati anagrafici, quelli del vostro partner, il luogo di residenza o di domicilio, le condizioni reddituali di entrambi, eventuali altri prestiti ancora pendenti, ed ogni altra informazione utile a valutare la vostra richiesta, specificando le condizioni di prestito richieste (l’importo, la natura del tasso, i tempi e i modi di restituzione) e prestando il consenso al trattamento dei dati personali.

Alla domanda dovrete allegare una semplice documentazione comprovante le condizioni di reddito dichiarate: per i lavoratori dipendenti, oltre al documento d’identità ed al codice fiscale, sarà necessario produrre la copia di una o più buste paga; per gli autonomi ed il liberi professionisti, il Modello Unico; per i pensionati, il cedolino della pensione.

A questo punto tutte le informazioni relative alla vostra situazione patrimoniale e finanziaria verranno confrontate con i dati risultanti dalle varie centrali di credito nazionali (Crif, Expedian, Ctc, Centrale pubblica di rischi della Banca d’Italia) e ove non risultaste essere cattivi pagatori o, peggio, protestati, nel giro di poche ore (24 - 48, in genere, ma c’è chi promette anche meno) le somme richieste vi verranno accreditate su conto corrente bancario o corrisposte mediante assegno circolare.