Finanziamenti Personali

Finanziamenti Personali
Il finanziamento personale è una particolare tipologia di prodotto finanziario che prevede l’erogazione, dietro corrispettivo, di una determinata somma di denaro, senza che rilevino le ragioni per cui il debitore si sia determinato a farne richiesta.

Non importa, in altri termini, se il richiedente intenda acquistarvi un’automobile, ristrutturare la soffitta o pagare un’operazione ai denti. Ciò che rileva è che questi disponga di determinati requisiti finanziari e di reddito e dell’adeguata documentazione atta a comprovarli.

Sotto questo profilo, il finanziamento personale viene usualmente contrapposto al finanziamento finalizzato, a quel tipo di prestito, vale a dire, vincolato al conseguimento di un obiettivo determinato e specificamente indicato nel relativo modulo contrattuale.

Detta specie di finanziamento prevede, in genere, la figura di un terzo convenzionato, l’imprenditore che offre alla vendita il bene o servizio (si pensi ad una concessionaria auto, ad esempio, per finanziamenti volti all’acquisto di autovetture e motocicli, ad un negozio di mobili, o di computer, e così via), facendosi altresì carico d’inoltrare presso l’ente erogatore tutta la documentazione necessaria a finanziarne l’acquisto.

Il finanziamento personale, che pur può servire all’acquisto del medesimi beni o servizi di un finanziamento finalizzato, non prevede, com’è chiaro l’intermediazione del rivenditore e viene, per contro, erogato direttamente nelle mani del richiedente (mediante accredito su conto corrente o con assegno circolare, in genere), il quale provvederà a spendere la cifra conseguita nella maniera che riterrà più opportuna.

Si tratta, in genere, di finanziamenti di importo non eccessivamente elevato, che vanno da un minimo di poche migliaia di euro ad un massimo di 30.000 euro, a tasso fisso, da restituire, di solito mediante RID, entro un arco di tempo compreso tra i 12 ed i 120 mesi, a seconda della cifra finanziata e delle esigenze del cliente.

In linea di massima, considerato l’importo, non sono richieste particolari garanzie, purché, s’intende, il richiedente abbia trascorsi finanziari ineccepibili, il che significa che non risultano a suo carico iscrizioni negative nelle centrali rischio nazionali e che non è stato protestato.

É necessario, inoltre, che questi disponga di un reddito certo e continuativo, risultante da busta paga o dal cedolino della pensione, o che sia comunque in grado di dimostrare la solidità della propria situazione reddituale, nell’ipotesi di liberi professionisti o di lavoratori, mediante il Modello unico relativo all’anno precedente.

É sempre possibile un’estinzione anticipata del finanziamento, provvedendo al rimborso del capitale residuo, comprensivo delle rate non ancora scadute, degli interessi maturati e di una penale che non può essere superiore all’1% della cifra originariamente erogata.